sabato 27 agosto 2016

La busta paga della badante non va in ferie

Le buste paga di colf e badanti non vanno MAI in ferie!
Come ogni mese anche a fine agosto dovrete consegnare al vostro lavoratore domestico (colf, badante, baby-sitter) un prospetto costi con le ore effettivamente lavorate ed eventuali straordinari, ferie e permessi. 
Il modo migliore per non sbagliare i conteggi è annotare, di volta in volta durante il mese, su un taccuino o su un'agenda, tutte le ore lavorate da colf e badanti, i permessi richiesti e le ferie, che sicuramente vi avranno richiesto per scappare dal caldo della città e per rilassarsi con le proprie famiglie.

Ricordatevi di consegnare il prospetto in DOPPIA COPIA e di CONSERVARE UNA COPIA firmata dal vostro lavoratore domestico.

lunedì 22 agosto 2016

Cronaca estiva del lavoro domestico

Anche in piena estate le notizie di cronaca relative ai lavoratori domestici (colf, badanti e baby-sitter) impiegati presso le famiglie italiane non si fanno mancare.

  • A Lecco, una badante di 21 anni ha sottratto mille euro all'anziana che accudiva, dopo aver perso l'intera somma al videopoker, non essendo in grado di restituire il denaro di tasca propria, la ragazza ha simulato una rapina. Dopo un breve interrogatorio la giovane badante ha ammesso di aver sottratto e poi perso lei stessa il denaro. (La Provincia di Lecco)
  • A Terni la polizia ha arrestato una colf di 40 anni. La donna ha prestato servizio per una settimana presso la casa di una anziana signora, in sostituzione della collaboratrice familiare abituale. Al termine del periodo di lavoro l'assistita si è accorta della sparizione di alcuni preziosi ed ha denunciato il fatto alla polizia locale. La 40enne colf italiana è stata denunciata per furto aggravato. (Corriere dell'Umbria)
  • In Salento una badante picchiava la sua assistita di 89 anni. L'anziana donna affetta da l'Alzheimer e incapace di provvedere alle più elementari funzioni quotidiane non era in grado di comunicare. I maltrattamenti della badante sono stati scoperti grazie all'installazione di telecamere nascoste. Per la donna di origine romena è stata emessa una condanna a dieci mesi di reclusione. (La Repubblica di Bari)



lunedì 15 agosto 2016

mercoledì 10 agosto 2016

Retribuzione e fac simile ferie per Colf e Badanti

Che retribuzione percepiscono colf e badanti durante le ferie?
La retribuzione delle ferie dipende dalla tipologia di contratto. I lavoratori domestici con retribuzione mensile percepiscono la normale retribuzione; i lavoratori con retribuzione ad ore percepiscono una retribuzione pari a 1/6 dell’orario settimanale per ogni giorno di ferie; i lavoratori che usufruiscono di vitto e alloggio, durante le ferie, riceveranno un compenso sostitutivo convenzionale.

Appunti utili!
Per una corretta gestione delle ferie di colf o badanti ricordiamo a tutti i lettori del blog che:

  • nel computo della fruizione delle ferie di colf e badanti sono escluse domeniche e festività;
  • le ferie non interrompono la maturazione degli istituti contrattuali;
  • le ferie non possono essere godute durante il periodo di preavviso, licenziamento, malattia o infortunio;
  • l’indennità di compenso per ferie non godute è lecita soltanto in caso di risoluzione del rapporto di lavoro con colf e badanti.

Potete scaricare il FAC SIMILE di richiesta ferie per la vostra colf o la vostra badante al seguente link:


Per dubbi o maggiori informazioni scrivete a studio@studiolegaledl.it

sabato 6 agosto 2016

Se il datore va in ferie la badante lo segue!

Tutti in ferie ad agosto!
Come ogni anno nel mese di agosto si concentrano le chiusure di aziende, fabbriche ed uffici, per le ferie estive. Impiegati, liberi professionisti e dipendenti sfruttano questi periodi di ferie obbligate per concedersi un po' di riposo fuori città.

Cosa succede ai datori di colf e badanti?
In caso di trasferte fuori dal normale luogo di lavoro, i lavoratori conviventi sono tenuti, se il datore ne fa richiesta, a recarsi in trasferta. La badante o la colf dovranno, pertanto, seguire il datore o l’assistito in soggiorni temporanei in altri Comuni e/o in residenze secondarie.
Ricordiamo a tutti i lettori del blog che i lavoratori avranno diritto al rimborso delle spese di viaggio sostenute per raggiungere il luogo di vacanza e al riposo settimanale concordato nel contratto.

Cosa succede se la trasferta non è prevista da contratto?
Se la trasferta estiva non è stata prevista all'interno contratto sottoscritto con il lavoratore domestico, il datore di lavoro  dovrà corrispondere alla propria colf o badante un’indennità aggiuntiva rispetto alla retribuzione ordinaria, pari al 20% della retribuzione minima tabellare giornaliera, per tutti i giorni della trasferta.

martedì 2 agosto 2016

La Cronaca del lavoro domestico


Ecco le ultime notizie di cronaca relative al settore del lavoro domestico in Italia:
  • A Cremona, madre e figlio sono stati legati e imbavagliati per due giorni dal giardiniere di famiglia. Dopo averli picchiati e minacciati con la pistola, il giardiniere di origine tunisina ha sottratto soldi e oggetti di valore presenti in casa. La polizia è ancora sulle sue tracce ma si pensa che la rapina sia servita per finanziare il suo ritorno in patria. (Corriere della Sera)
  • A Roma una finta colf ha cercato di rapinare un'anziana di 73 anni. Fingendosi una collaboratrice domestica alla ricerca di lavoro, una donna romana di 32 anni, si è introdotta con l'inganno in casa dell'anziana e dopo averle fatto bere una bevanda contenente un narcotizzante ha cercato di rubare soldi e gioielli presenti in casa. (Repubblica)
  • A Bra, in provincia di Cuneo, è stato ritrovato in un pioppeto il cadavere di un giardiniere di 37 anni di origine italiana. La Procura della Repubblica di Asti a seguito dell'autopsia ha aperto un’indagine per omicidio che è attualmente in corso.

venerdì 29 luglio 2016

L'allarme di DOMINA: i Contributi di luglio sono i più difficili

A giugno, con Imu, Tasi e Tari unite alla dichiarazione dei redditi, si sono concentrate la maggior parte delle scadenze fiscali del 2016. Per alcuni contribuenti non è finita qui, a luglio è arrivato "il colpo di coda" con i contributi da lavoro domestico. A dare l'allarme è stata DOMINA, Associazione Nazionale Famiglie Datori di lavoro domestico, che da 20 anni tutela i datori di lavoro domestico e monitora malumori ed esigenze nascenti della categoria.
“Per 2.143.000 famiglie italiane, oltre alle tradizionali scadenze fiscali, si aggiungono ad inizio luglio anche i contributi da lavoro domestico” – commenta Lorenzo Gasparrini, Segretario Generale di DOMINA  - “I nostri associati, soprattutto i pensionati che non dispongono della quattordicesima – prosegue Gasparrini - lamentano come il versamento di luglio sia il più difficile da sostenere proprio perché arriva subito dopo una fitta serie di scadenze fiscali onerose.” Molte famiglie, per far fronte a questa situazione, durante il secondo trimestre 2016 hanno cercato di risparmiare evitando di chiedere ai propri collaboratori familiari di effettuare degli straordinari o di lavorare durante le festività.”

lunedì 25 luglio 2016

Torna la pensione di reversibilità alle badanti

Nel caldo dell'estate 2016 arriva la sentenza n.174 del 15 giugno della Corte Costituzionale a sancire che la pensione di reversibilità, in caso di morte del coniuge, spetta di diritto a prescindere dalla durata del matrimonio. La sentenza "scioglie" come neve al sole la norma del 2011, giudicandola incostituzionale. L’art. 18, comma 5, del decreto-legge 6 luglio 2011, n. 98, limitava, infatti, l'ammontare della pensione se la persona scomparsa aveva contratto matrimonio ad un'età superiore ai 70 anni con un coniuge più giovane di almeno 20 anni. L'obiettivo della legge era quello di scoraggiare i matrimoni di convenienza, i raggiri e le frodi ai danni degli anziani da parte delle badanti.
Secondo la nuova sentenza della Corte Costituzionale questa limitazione, basata solo sulla differenza di età dei coniugi, è incostituzionale perché non rispetta il principio di solidarietà che è alla base del trattamento previdenziale.

mercoledì 20 luglio 2016

Cercate colf e badanti? Ecco le tecnologie digitali che possono aiutarvi!

Ormai le tecnologie digitali ci "supportano" in tutto e per (quasi) tutto. Rimedi per l'influenza online, ricette facili sui blog, l'app con le ZTL per evitare le multe, il gps per non perdersi, e potremmo continuare all'infinito. Le tecnologie sono già nelle nostre case ma potremmo sfruttarle per "trovare una persona di fiducia da metterci in casa"? Il settore del lavoro domestico, come sanno bene i lettori fedeli del blog, è un settore in crescita. La richiesta di colf e soprattutto di badanti per assistere malati, anziani o disabili è molto alta ma è difficile trovare "la persona giusta". 
Come si trova la persona adatta alle esigenze delle differenti famiglie?
La soluzione migliore, nonché unica alternativa, fino ad oggi è stato il passaparola. L'amica consiglia la sua efficientissima colf filippina oppure un collega ci suggerisce la badante che si prende cura dell'anziana zia. 
Se non abbiamo nessun "raccomandato" da assumere come si fa? 
La tecnologia cerca di venirci in aiuto con le start up. Al momento sul mercato ci sono Helpling (con sito web ed app per smarthphone) ed Easy feel (sito web). Entrambe ben strutturate, con grafiche semplici ed accattivanti. Purtroppo però entrambe presentano una problematica: sono limitate alle pulizie domestiche. Grazie a queste piattaforme, infatti, è possibile trovare una colf referenziata che si occupi della cura della casa ma non di un'assistente familiare.
Chi accudisce i nostri anziani? E i nostri malati? Al momento la tecnologia non sembra ancora avere una risposta per questo delicato tema. Un'alternativa "digitale" al passaparola può essere rintracciata nello strumento messo a punto da DOMINA, Associazione nazionale famiglie datori di lavoro domestico (firmataria del CCNL di categoria). L'Associazione ha inserito nel proprio sito web il "Trova Colf e Badanti": attraverso la compilazione di un breve form il futuro datore di lavoro specifica le mansioni che il lavoratore dovrà svolgere per consentire l'identificazione di un profilo adatto alle sue esigenze. Lo strumento è realizzato in collaborazione con la API-COLF, Associazione Professionale Italiana Collaboratori Familiari, autorizzata ad occuparsi del collocamento di personale per i servizi domestici dal Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale.
Questo strumento di ricerca è semplice, veloce e gratuito quindi, se non avete un "raccomandato" da assumere perché non tentare la strada "digitale"?

venerdì 15 luglio 2016

La cronaca del lavoro domestico italiano

Oggi vi raccontiamo le ultime news di cronaca riportate sulle testate online relative al lavoro domestico in Italia. Purtroppo, come (quasi) ogni settimana, ci sono nuovi casi di truffe ai danni degli anziani.
  • Ad Udine, una badante di 52 anni di origine ucraina, recentemente assunta in prova all'interno di una struttura di Udine, si è presentata a lavoro completamente ubriaca; la lavoratrice domestica doveva assistere un'anziana donna malata ma non ne è stata in grado a causa dell'elevato tasso alcolico. I famigliari dell'anziana signora hanno chiamato la polizia e all'arrivo degli agenti la donna si è ribellata con schiaffi, insulti e sputi. La 52enne è stata indagata per resistenza, violenza, minaccia e oltraggio a pubblico ufficiale.
  • Ad Ostia Antica, una badante bielorussa di 26 anni ha rubato mille euro alla donna che assisteva approfittando del suo handicap in quanto ipovedente. La lavoratrice domestica è stata arrestata a seguito della segnalazione dell'ammanco di denaro da parte della figlia dell'anziana disabile.
  • A Perugia un'anziana è stata scippata mentre era a passeggio con la badante. Alla donna è stata strappata dal collo una collana d'oro. Fortunatamente l'anziana signora è rimasta illesa.